Dal Vangelo secondo Marco (Mc 5, 21-43)

[In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.] Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male. E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male». Stava ancora parlando, quando [dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo. Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.]  

Commento

Il brano evangelico di questa domenica, attraverso la tecnica narrativa del cosiddetto racconto a cornice, ci presenta due interventi miracolosi di Gesù, il primo operato nei confronti della figlia di Giairo, uno dei capi della sinagoga, l’altro di un’anonima donna ammalata, sofferente di emorragie da molti anni. Immerso nella folla, Gesù viene implorato dall’illustre ebreo, uomo formato nella conoscenza delle scritture e grande guida spirituale di Israele. Gesù, di fronte alla sua supplica accorata e umile, di uomo di fede, va con lui. Muovendosi per visitare la sua casa, sempre nel pieno della ressa, avviene un altro incontro singolare, quello con l’emorroissa. Una donna sofferente di un male fisico, che la tormenta da 12 anni con continue perdite di sangue, segnata anche dalla condizione di impurità rituale, che aggrava ancora di più la sua situazione, emarginandola ed escludendola, come un vero scarto della società. La sua fede, però, non la fa soccombere: sentito parlare del Maestro, vuole toccarlo, perché fermamente convinta che solo questo basterà a farla uscire dalla pesante condizione di sofferenza che la attanaglia. È la perfetta comprensione della logica dell’incarnazione di Dio: Egli per amore verso l’umanità, in Cristo Gesù ha deciso di farsi compagno del nostro cammino e di portarci il dono della salvezza e della pace. Ogni persona che incontra Cristo, sente forte il desiderio di toccarne il Mistero profondo e salvifico, per essere resa partecipe della sua opera di redenzione. Il contatto con Cristo, che per la donna fu fisico, con il lembo del suo mantello, continua anche oggi nella vita sacramentale della Chiesa, fatta di gesti e parole, portatrici della stessa grazia del Figlio di Dio. Ogni volta che chiediamo l’assoluzione sacramentale dai peccati, riceviamo l’Eucaristia o celebriamo qualunque altro sacramento, viviamo esattamente la medesima dinamica della donna emorroissa. Desideriamo toccare il Signore, perché Egli ci purifichi e ci salvi. Mossi dalla fede, che è certezza nell’opera di Dio, veniamo trasformati dal contatto con Lui, senza lasciarci bloccare dalla nostra impurità e umana fragilità. Questa dinamica non è magico-rituale, né un automatismo energetico: soltanto quando c’è un fondamento di fede, in una relazione di totale affidamento a Lui, i sacramenti hanno effetto in noi. Tante richieste di benedizioni, atti di devozione e gesti rituali che si compiono, se mancano di fede, saranno più atti scaramantici che strumenti efficaci della grazia. Gesù, suscitando la sorpresa dei suoi discepoli, sente uscire da sé questa forza salvifica e vuole capire cosa sia accaduto. La fede della donna si manifesta anche attraverso il gesto di verità che essa realizza: si fa avanti con umiltà gettandosi ai suoi piedi e gli racconta tutto quello che le è accaduto: una vera confessione, che Gesù riconosce, apprezza e conferma con la sua Parola. Nel frangente, la scena ci riporta a Giairo, che mentre è in cammino con Gesù, viene avvertito della morte della fanciulla. A questa notizia, Gesù incoraggia il padre e lo invita alla fede, continuando il suo cammino verso la sua casa, dove intanto si era creato un gran trambusto. In un clima di riservatezza e intimità, alla presenza dei soli discepoli più vicini e dei genitori della fanciulla, Gesù la risuscita dalla morte. Quando la fede è forte, Gesù non manca di intervenire con forza. La morte non ha mai l’ultima parola con Lui, che è il Signore della vita. Secondo il modo di fare di Gesù nel vangelo di Marco, di fronte al grande stupore per il gesto miracoloso, torna l’invito al silenzio, tipico del cosiddetto “segreto messianico”. Non è attraverso questi gesti eclatanti che Gesù vuole manifestarsi pienamente. Lo farà in altro momento, donando la sua vita sulla croce. 

Un pensiero su “XIII domenica del T.O./B: Il tocco della fede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...